Zerocalcare in mostra al WOW Spazio Fumetto

A Milano, dal 16 giugno al 31 luglio 2013, nella sede del Museo WOW Spazio Fumetto la prima mostra dedicata a Zerocalcare, al secolo Michele Rech, dal titolo “La Coscienza di Zero”. Esposte un’ottantina di tavole tra originali e stampe tratte dai libri e dal blog dell’autore, compresa una piccola anteprima sul nuovo lavoro, “Dodici” già annunciato in uscita da Bao Publishing il prossimo ottobre. Siamo andati all’inaugurazione a seguire l’incontro di apertura.

Catalogo della mostra "La coscienza di Zero", Wow Spazio Fumetto

Catalogo della mostra “La coscienza di Zero”, WOW Spazio Fumetto


Quello che vedete qui sopra è il mini-catalogo,  stampato a tiratura limitata di 500 copie, realizzato appositamente per la mostra “La coscienza di Zero”.

Comprende alcune immagini (vignette, strisce, tavole) e un’intervista a Zerocalcare  (i cui passaggi accompagnano, a mo’ di didascalia,  le tavole esposte in mostra)  che riassume, in sintesi, tutto quello che è fondamentale sapere sul fumettista romano dai numeri record.

Questo invece è il cartellino che indossavano i ragazzi dello staff durante l’evento:

Mostra "La coscienza di Zero" al Wow Spazio fumetto, pass staff

Mostra “La coscienza di Zero” al WOW Spazio fumetto, pass staff

Giusto per dire che ho visto dell’amore (anche) per i particolari. Ma passiamo all’evento in sé:

Ingresso del museo, Wow Spazio Fumetto

Ingresso del museo, WOW Spazio Fumetto

Sono le quattro di domenica pomeriggio, il 16 giugno 2013 e io sto arrivando in ritardo all’inaugurazione della prima mostra di Zerocalcare, realizzata al Museo WOW Spazio Fumetto a Milano, in viale Campania 12.

Incontro d'apertura della mostra "La coscienza di Zero" Wow Spazio Fumetto

Incontro d’apertura della mostra “La coscienza di Zero” WOW Spazio Fumetto

La sala è già affollata. Il pubblico in silenzio resiste pazientemente a una discreta quantità di caldo mentre assiste alla chiacchierata pubblica con l’autore, che tra l’altro mi dicono ha ricevuto poco fa i complimenti di Bruno Bozzetto, in un incontro informale qui al Museo.

Zerocalcare, "Con l'anonimo" da "Il Canemucco 1", dettaglio

Zerocalcare, “Con l’anonimo” da “Il Canemucco 1”, dettaglio

I convenevoli lasciano lo spazio al racconto degli ultimi anni di lavoro e di successi, sia con il blog Zerocalcare.it che con i fumetti “di carta”, prima quelli autoprodotti  e le fanzine (“La profezia dell’armadillo” è alla quinta ristampa) e poi i volumi pubblicati da Bao ( “La profezia dell’armadillo” a colori, “Un polpo alla gola”, e l’ultimo “Un lunedì su due”, tutti best seller su amazon e nelle librerie). Per non parlare poi delle tantissime altre collaborazioni , tra cui la rubrica “Neet Kidz” sulla rivista Internazionale e  l’attivismo nel mondo dei centri sociali .

Zerocalcare, Neet Kidz, da Internazionale, dettaglio

Zerocalcare, “Neet Kidz”, da Internazionale, dettaglio

Mentre ascolto il riassunto degli ultimi dieci anni di vita di questo fumettista, (dieci anni in neanche dieci minuti, tutti densi) sbircio dal catalogo un botta e risposta:

«Da quando hai iniziato a vivere di fumetto?»
«Nell’ultimo anno, tra dicembre 2011 e gennaio 2013 il fumetto è stato la mia fonte principale di reddito, poi per quanto questa sia continuativa e duratura nel tempo, boh..»

Omaggio a Zerocalcare

Omaggio a Zerocalcare e dedica

Nel momento in cui scrivo so dall’account  Twitter dell’autore che il giovane Blanka ha confermato le ripetizioni anche per il prossimo anno. Quindi un po’ di futuro è assicurato.

Chi è Blanka? È un ragazzino di tredici anni ( disegnato come il personaggio di Street Fighter II)  protagonista in varie storie sul blog di Zerocalcare. Ed esiste davvero. All’inaugurazione, tra le domande del pubblico in sala scatta la curiosità di sapere se questo studente delle medie è al corrente del “ritratto d’artista” che gli è stato fatto.

IMG_4456

Zerocalcare, “Perché non possiamo dirci trentenni”, da http://www.zerocalcare.it/

Veniamo a sapere che, pur avendo scoperto che il suo insegnante di ripetizioni nella vita fa anche il fumettista, per pigrizia o svogliatezza non ha ancora sfogliato una pagina di quei  fumetti ( i primi due libri), che la mamma ha provveduto a fargli avere (beata gioventù!).

Che poi ovviamente si scherza.  Il futuro di Zerocalcare è già presente. Tra le nuove collaborazioni annuncia che da luglio avrà una pagina mensile sulla rivista Wired, con l’idea di testare nuovi gadget tecnologici.

Zerocalcare, La profezia dell'armadillo, dettaglio

Zerocalcare, “La profezia dell’armadillo”, dettaglio

E poi c’è il  nuovo libro. In uscita il prossimo ottobre –  sempre per Bao, dal titolo “Dodici”. Una storia di Zombie (amore incondizionato dell’autore insieme ai dinosauri)  che avrà per protagonista il Secco.

Zerocalcare, anteprima di Dodici, dettaglio

Zerocalcare, anteprima del nuovo “Dodici”, dettaglio

Secco è l’unico personaggio con fattezze “umane” delle vicende raccontate da Zerocalcare.

Cito dal catalogo: «Secco è un mio amico che mi ha accompagnato nella vita quotidiana per anni […]. Se penso a tutte le imprese più stupide in cui mi sono cacciato, quegli aneddoti che racconti 200 volte intorno al tavolo la sera per 30 anni […] Ecco, Secco sta sempre in quei racconti. Ed è umano perché è un personaggio a sè stante, con una sua storia e una sua personalità che prescinde da come lo vedo io».

Che poi nella vita reale non sia più così “secco” è solo un piccolo dettaglio uscito fuori nella conversazione con le persone in sala…

Zerocalcare, da " La profezia dell'armadillo"

Zerocalcare, dettaglio da “La profezia dell’armadillo”

I fan sono affamati degli aneddoti su questa galleria di personaggi che popolano le storie di Zerocalcare. Storie “quotidiane”,  e in un certo senso “leggere”, che permettono all’autore di esprimersi in una dimensione privata e personale, che affonda nella sua sfera emotiva, nella quale però è veramente facile riconoscersi.

Zerocalcare, "I vecchi che usano il pc"

Zerocalcare, “I vecchi che usano il pc” da http://www.zerocalcare.it

Quando gli chiedono a cosa attribuisca il suo successo, risponde in modo puntuale (estratto sempre dal catalogo della mostra):

«Credo che la mia roba sia andata a coprire almeno in parte un buco che c’è in Italia, che è quello dell’autonarrazione di una generazione, quella tra i 20 e i 30 anni circa. È uno spazio che hanno già battuto i film negli ultimi anni, che i libri conoscono da tempo, che le webserie stanno riscoprendo, ma che nel fumetto è completamente assente. Non perché manchino professionisti molto più bravi di me appartenenti alla mia generazione, ma perché non scelgono di raccontare le loro storie quotidiane. Mentre credo ci sia sete di ascoltare e leggere come vive e cos’ha da dire, anche a fumetti, quella fetta di persone».

Zerocalcare, mostra al Wow Spazio Fumetto

Tavole da “La profezia dell’armadillo” e ” Un polpo alla gola”

Una fetta di pubblico tra l’altro abbastanza bistrattata nel nostro Paese, alternativamente etichettata come ” bamboccioni” o “choosy” a seconda delle esigenze o delle convenienze di chi prende la parola.

Zerocalcare alle dediche, museo Wow Spazio Fumetto

Zerocalcare alle dediche, museo WOW Spazio Fumetto

Zerocalcare si presta generosamente alle attenzioni del pubblico e con uno spirito di spassionata genuinità. Momento d’ilarità generale alla richiesta di un lettore:

«Perché non disegni mai l’armadillo frontalmente?»
«Beh… Perché è difficile!»

Inaugurazione mostra "La coscienza di Zero" Wow Spazio Fumetto

Inaugurazione mostra “La coscienza di Zero” WOW Spazio Fumetto

Inaugurazione mostra "La coscienza di Zero" Wow Spazio Fumetto

Inaugurazione mostra “La coscienza di Zero” WOW Spazio Fumetto

Inaugurazione mostra "La coscienza di Zero" Wow Spazio Fumetto

Inaugurazione mostra “La coscienza di Zero” WOW Spazio Fumetto

Insieme alle varie tavole originali raccolte in mostra ci sono anche una serie di gadget, giochi e videogiochi, manifesti cinematografici e tutto quello che insieme definisce  l’immaginario in cui nascono e si ambientano le sue storie:

Zerocalcare, libri e gadget

Zerocalcare, libri e gadget

Zerocalcare, libri e gadget

Zerocalcare, libri e gadget

Zerocalcare, libri e gadget

Zerocalcare, libri e gadget

L’attivismo sociale negli spazi occupati, centri sociali e campagne politiche che ha contraddistinto le sue prime esperienze nella nona arte – come la storia “A.F.A.B.” sul G8 di Genova – è sempre presente nella vita di Zerocalcare parallelamente alle attività meno “impegnate”.

Ricordo con piacere l’impressione positiva che mi ha fatto leggere questa vignetta apparsa sul suo blog  tempo fa,  appunto sul tema dell’impegno politico e del ritratto generazionale. Negli anni duemila, i fumettisti armati di “social network” (e 2.0 vari) puntualizzano in autonomia le loro posizioni: 

Zerocalcare il duro mondo della sintesi giornalistica

Zerocalcare, “Il duro mondo della sintesi giornalistica” da http://www.zerocalcare.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...