Bilbolbul 2013: Oltremai di Mattotti

foto di Daniela Odri Mazza e Andrea Tosti
testo di Giorgio Trinchero

Nel presentare questo lavoro al pubblico, Lorenzo Mattotti  ha detto: «Oltremai m’è sembrata subito la parola che riassumesse perfettamente il luogo mentale dove possono vivere queste immagini: oltremai il reale… oltremai il mondo… oltremai noi stessi…». L’esposizione è alla Pinacoteca Nazionale di Bologna fino al 7 aprile, ad ingresso gratuito.

mattotti_1

mattotti_2

Cinquanta disegni di grande formato, china su carta. Tutti con forte prevalenza di nero, tranne il primo, che potrebbe essere la raffigurazione dell’autore e del visitatore ancora all’esterno del fitto del bosco. La mostra è imponente, cupa, nera. Le immagini sono ambienti fiabeschi: gabbie, alberi ritorti, segrete, laghi, muraglie di impalcature, colline e isole vulcaniche, dentro i quali ci si orienta seguendo una bambina che insegue mostri che la inseguono.
In ognuno di questi ambienti profondi e vastissimi, nei visi suggeriti e negati di creature al di sopra del bene e del male, si percepisce sempre il processo di realizzazione.
Sia che le linee si infittiscano in grate o in intricate ramificazioni, sia che si staglino larghissime su colli, resta sempre evidente lo strumento e il gesto che ha tracciato il segno. A ogni movimento dello sguardo devi decidere di vedere il bosco, i pavimenti, le gallerie, la luce che filtra dalle inferriate perché i segni che le compongono non sono mai celati. Mattotti non ti impone la visione, non crea un mondo mimetico, nel quale perdersi in un’illusione di realtà. Non finge di avere il potere di farti vedere cose che non esistono. Sei tu che decidi che quelle macchie di china sono un pavimento, quelle arruffate pennellate la chioma di alberi, quel triangolo di carta bianca la luce della luna su un tronco abbattuto. Sei libero di vedere contemporaneamente i segni e il mondo che quei segni compongono. Un luogo nel quale si destreggia una bambina che sembra sapere esattamente cosa fare, ed è pronta a accettare le conseguenze delle sue azioni. Come i visitatori, che si trovano davanti ai luoghi che affiorano dall’inconscio, e decidono a ogni immagine quale creatura affrontare e quale lasciare nascosta nell’ombra.

mattotti_3

mattotti_11

mattotti_4

mattotti_10

4038

mattotti_6

mattotti_12

mattotti_5

mattotti_9

mattotti_16

mattotti_13

4048

mattotti_14

4050

mattotti_8

4045

mattotti_7

4034

Advertisements

4 risposte a “Bilbolbul 2013: Oltremai di Mattotti

  1. Pingback: Grande Rete! 28 February 2013

  2. L’opera pare importante.
    Si evince dalle foto quanto dalla accorata descrizione.
    Anche la descrizione pare importante.

  3. Pingback: Troppo non è mai abbastanza | Conversazioni sul Fumetto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...