Halloween in Duckburg

nvxuex

Halloween in Duckburg è un quadro ad olio che Carl Barks realizzò nel 1973. L’opera riprende la copertina, sempre di Barks, del numero 26 di Donald Duck (novembre 1952), periodico statunitense che ospitava la famosa storia Trick Or Treat, ancora una volta realizzata dallo stesso autore.

Il fumetto di Barks era un adattamento del quasi omonimo cortometraggio disneyano, diretto da Jack Hannah, dello stesso anno.

La storia a fumetti, realizzata da Barks inizialmente in 32 tavole, venne giudicata troppo spaventosa e inadatta alla pubblicazione e quindi ridotta a 24 dallo stesso Barks, che ridisegno anche la tavola iniziale.

Prima tavola della prima versione di Trick or Treat

Smorgasbord, mostro con sei braccia e con in testa una bombetta da gangster inventato da Barks per l’occasione, compariva, appunto, nelle tavole eliminate, per poi essere recuperato da Barks che lo inserirà in un altro quadro ad olio, intitolato Student Witch, oltre che in varie ristampe filologiche della precedentemente citata storia a fumetti. Di seguito una delle tavole eliminate in cui compariva Smorgasbord.

La storia in questione venne pubblicata per la prima volta in Italia sul numero 56 di Topolino formato libretto con il titolo Paperino e le forze occulte. Il traduttore, lo sceneggiatore Guido Martina, cambiò Halloween, festa praticamente sconosciuta in Italia nel 1952, in un più nostrano e “digeribile” carnevale. Buon carnevale con le zucche a tutti, quindi.

Annunci

5 risposte a “Halloween in Duckburg

  1. Secondo alcuni è il + grande cartoonist di sempre. Non so. Uno dei, sicuramente. La mia Damasco è stata Jack Kirby, ma trovo che Barks sia lo storyteller da studiare. Le soluzioni sono sempre le migliori, condivisibili, semplici. I personaggi recitano. Essenziale e gradevole. Piaceva anche a fumettari nostrani apparentemente lontani dal suo mondo come Pazienza. Guardo le sue tavole e penso sempre – non è ” giusto ” , lo so – che avrei voluto tanto Barks, o almeno qualche Barks, in modalità semi realistica ( come il Cavazzano di Altai & Johnson tanto x fare un esempio calzante ) . Mi piacciono i suoi paperi, ma i miei fantafumetti sono anche i “suoi” Challengers of the Unknown, The Spirit, Popeye e Captain Marvel ( quello della Fawcett da decenni in casa DC , ndr ). E magari Vampirella – siamo nei gg di quello che da noi è carnevale e negli USA è Halloween dopo tutto – in modalità Amanda Conner. Sereno carnevale a tutti !

  2. Egr. Signori,
    non molto bello quello che avete fatto. Non mi pare corretto ingannare i fans di Barks.Il dipinto che avete pubblicato , Hallowenn in Duckburg, non è l’originale di Barks, ma bensì una copia che io Gil ho realizzato qualche anno fa. Se visionate il mio sito troverete sicuramente una immagine dell’origine sotto la voce ” compare ”
    Vi pregherei di sostituirla con l’originale, e dare a Barks quello che è di Barks.
    Cordiali saluti
    Gil

  3. Gentile Gil,
    la ringrazio della segnalazione. La qualità del suo lavoro di copista di Barks è, così alta che l’errore, di fronte a una copia così simile all’originale è da considerarsi, a mio avviso, perdonabile. L’immagine è stata sostituita, spero che potrà ritenersi soddisfatto e che continuerà a seguirci con immutata stima. La redazione di Conversazioni sul fumetto

  4. Gentile Sig. Andrea,
    devo dire che appena ho visto l’immagine ho sorriso, perchè di questi errori naturalmente veniali e in buona fede, ve ne sono molti. Addirittura uno scrittore e pittore americano, che conosceva personalmente Barks e frequentava la sua casa si è sbagliato con una mia copia.
    Visto e considerato che ci siamo conosciuti, anche se in modo casuale , per farmi perdonare, vorrei
    portare a sua conoscenza alcune ” notizie ” su Barks, che forse non conoscete.
    1) Sito danese , il migliore : http://www.CBARKS.dk
    http://www.COMICSINFO.dk
    2) Libro americano scritto da John Garvin ( quello che si è sbagliato )
    http://www.enchantedimages.com/paint_barks/barks_book.htm
    3) in ottobre è stato dato alle stampe un libro scritto da un americano fan di Carl Barks che riporta tutti i suoi dipinti . Geoffrey Blum. ” Carl Barks die olgemalde . Troverete una descrizione di questo libro nel seg, sito ; http://blog.ehapa-shop.de/carl-barks-die-olgemalde/
    Il libro è ecezzionale. Se desiderate comperarlo ( ne vale la pena ) consiglio amazon .it al prezzo di 68€ in lingua tedesca , su amazon .de al costo di 99€ , ma è sempre lo stesso libro ed in lingua inglese al costo di $ 149.
    Cordiali saluti
    Gil

  5. Solo di recente, grazie al forum papsersera, ho scoperto che esistono due versioni di questa bella storia! Quella originale sono riuscito a recuperarla, in inglese, grazie ad un sito, se non erro, francese, che aveva tutte le storie di Carl Barks, le strisce di Topolino dal 1930 al 1955 e non solo, che purtroppo è stato chiuso. Chissà che passava in testa al direttore e o ai suoi collaboratori. Mah! Come il fatto che, però solo da noi, sono state tolte in più pubblicaizoni, due tavolte di un’ altra storia di Barks, “Paperino e l’ albero di Natale (tutto d’ oro)”! Mah!
    Bella la storia e bello il corto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...